Cristian Fassi, un campione diversamente disabile

E’ così che si è presentato Cristian Fassi, campione paralimpico di motociclismo, al pubblico che sabato sera 26 ottobre lo ha sostenuto in questa sua iniziativa.

“Mi piace considerare me stesso non come un disabile ma come una persona che è riuscita a combattere e superare in qualche modo la propria disabilità”.

Cristian Fassi, 29 anni, è stato colpito da mielopatia all’età di 21 anni, rimanendo paralizzato dal bacino in giù. Un addio prematuro a tutto ciò che era movimento, in particolare al mondo del motociclismo…

Un addio che grazie alla sua tenacia e alle cure dei fisioterapisti si è trasformato in poco tempo in un arrivederci.

Poi, con l’aiuto dell’Associazione Di.Di. Diversamente Disabili, Cristian è riuscito a cavalcare di nuovo la sua moto.

Ma è grazie ai compagni del motoclub “L’Airone” che Cristian è salito sul podio, classificandosi secondo nel campionato mondiale 2019 classe 600!

Consegna della targa di riconoscimento

“Una bellissima esperienza per noi ed un fantastico traguardo per Cristian” ha commentato il Presidente de L’Airone Roberto Fornaseri, consegnando una targa di riconoscimento al pilota Fassi.

Durante la serata, un intervento inaspettato della ex Sindaca di Sant’Albano Stura, Donatella Operti, colpita anch’essa da disabilità in giovanissima età.

“Da bambina ci vedevo bene, poi a 10 anni improvvisamente il buio…” ci racconta Donatella “ma è attraverso lo sport che ho ricominciato a credere in me”.

“Ho praticato il nuoto, lo sci di fondo e addirittura lo sci discesa” continua la Operti, “con l’aiuto dello sport sono riuscita a superare ostacoli che non avrei mai immaginato!”

La serata è poi proseguita con una buona dose di paella per tutti e giochi per i più piccoli, il tutto accompagnato da ottima musica.

Cristian Fassi e i volontari della serata

Assituls per Cristian e la disabilità

Noi di ASSITULS eravamo presenti per dare supporto a questa grande iniziativa. Crediamo veramente che lo sport possa aiutare a vincere nella vita e a superare difficoltà che a volte sembrano insormontabili.

Un GRAZIE di cuore a Cristian Fassi e a tutti coloro che, nonostante tutto, riescono ad essere “diversamente disabili”!